Arricciacapelli fai da te: ricci, onde e capelli corposi

Le ricce si vorrebbero lisce, le lisce si piacciono ricce. E fin qui niente di nuovo.

Solitamente le ricce hanno meno difficoltà a trasformarsi in lisce. Con i dovuti accorgimenti per non rovinare l’idratazione dei propri capelli, la piastra risolve questo desiderio.

Le lisce sono invece costrette ad armarsi di pazienza e tanta buona volontà per trasformare i propri spaghetti in bellissime onde.

Per fortuna esistono diverse soluzioni naturali e attente alla salute dei capelli, che puoi sperimentare comodamente a casa tua per dare corpo e volume alla tua testa. Vediamone un paio.

 

1. Le trecce 

Il metodo più classico ma allo stesso tempo più efficace sono proprio le trecce. Più sono piccole, più i capelli saranno mossi. Inoltre, per una resa più definita, ti consigliamo di tenerle almeno una notte intera, per scioglierle con cura al risveglio. La tua chioma avrà delle bellissime onde!

trecce.jpg 

2. I bigodini

Altro metodo classico sono i bigodini. Con i capelli ancora umidi e con l’aiuto di un pettine, inizia a dividere la chioma in ciocche più o meno dello stesso spessore. Tieni presente che più ciocca e bigodino sono piccoli, più stretto sarà il riccio finale. Al contrario, il riccio sarà tanto più ampio, quanto più grandi saranno ciocca e bigodino. Il metodo di lavoro è semplicissimo e lo avrai sicuramente visto fare a nonne o zie. Mano a mano che arrotoli le ciocche, fissale con dei beccucci d’oca o con delle forcine. Rimani così fino ad asciugatura completa (in alternativa puoi adoperare l’asciugacapelli, mantenendolo a temperatura media e a circa 20 cm di distanza dalla testa). Sciogli infine il tutto per dare una passata con il diffusore.

bigodini.jpg 

3. I diavoletti

I diavoletti hanno il pregio di essere morbidi e di non stressare i capelli. Applicarli è abbastanza semplice. Dopo aver lavato i capelli, asciugali solo in parte per togliere l’acqua in eccesso. Avvolgili ora su se stessi, partendo dalle punte, e adoperando il diavoletto come fosse un bigodino. Una volta portato al punto desiderato, chiudilo con un nodo. Se preferisci un riccio super definito, arrotola il diavoletto fino alla sommità della testa; per un effetto più morbido, fermati pure a metà delle lunghezze. A questo punto puoi completare l’asciugatura all’aria aperta o con il diffusore, dall’alto verso il basso.

 diavoletti.jpg

4. La ciambella

Procurati una di quelle ciambelle di spugna che servono per lo chignon. Asciuga i capelli e legali nella classica coda di cavallo che andrai ad infilare nella ciambella. Dividila ora in due ciocche e arrotolaci attorno la prima, come fosse un nastro. Ripeti l’operazione con la seconda.
Dopo qualche ora di posa, sciogli i capelli. Il risultato saranno onde dall’aspetto molto naturale e chich.

ciambella.jpg

 

5. Il torchon

Parti dai capelli appena lavati, leggermente tamponati e massaggiati con un prodotto specifico per una piega mossa. Asciugali a testa in giù, muovendoli con le dita per eliminare l’eccesso di umidità. Senza completare l’asciugatura, dividi la chioma in un paio di ciocche che attorciglierai su se stesse e fisserai sulla testa. A questo punto puoi completare l’asciugatura con il diffusore. Avrai delle onde pazzesche e molto naturali!

 torchon.jpg

Se sei una di quelle ragazze dai capelli lisci come spaghetti, potresti pensare di applicare sulle lunghezze un siero o una schiuma specifica per capelli mossi, prima di procedere allo styling secondo uno dei metodi elencati qui sopra.

Ricordati inoltre di applicare poco balsamo al momento del lavaggio, perché una quantità eccessiva rischia di appesantire le lunghezze e di non farti ottenere l’effetto desiderato.

Un ultimo consiglio che ti diamo è districare i capelli con un pettine a denti molto larghi e di asciugarli sempre a testa in giù, per garantire un volume maggiore.

Pensa che cambiare look fa bene anche all’umore e ogni tanto ti invitiamo a farlo, anche se siamo dell’opinione che ogni tipo di chioma – liscia, riccia o mossa che sia – è splendida proprio per la sua unicità. Per preservarne la naturalezza, ti invitiamo anche a nutrirla con uno shampoo naturale specifico, smettendo di cadere in trappole pubblicitarie. Dopo anni di shampoo qualsiasi, infatti, ci vorranno almeno sei/sette settimane per vedere gli effetti di uno shampoo realizzato su misura per te; tuttavia siamo certi ci dirai che avevamo ragione!

 

Lascia un Commento